Home Page  |  Press Area  |  Contatti

,

 
● #CittàdelLibro2017 ● Vorrei che tutti leggessero, non per diventare letterati o poeti, ma perché nessuno sia più schiavo (Gianni Rodari) ● #CittàdelLibro2017 ● I Cammini dell'Uomo ●

Presentazione Città del Libro 2013 – XIX Edizione della Rassegna Internazionale degli Autori e degli Editori

Città del Libro - Conferenza Stampa

All different all equal, tutti diversi tutti uguali. Con questa prerogativa Città del Libro si prepara ad aprire le porte all’uguaglianza di generi.
Dov’è cultura non c’è ignoranza, non vi sono differenze e da Campi Salentina nel Salento, parte il rilancio del principio fondamentale cardine di tutti gli uomini e le donne, l’uguaglianza.

Da giovedì 12 a domenica 15 dicembre, entra nel vivo la diciannovesima edizione della Rassegna Internazionale degli Autori e degli Editori tra ospiti illustri, esponenti di rilievo della cultura nazionale ed internazionale, giovani autori e scrittori locali.

Una kermesse ricca di eventi tra spettacolo, arte, letteratura e saggistica, tutti diffusi sul territorio a macchia d’olio. Il Quartiere Fieristico nella zona Artigianale di Campi, vero e proprio cuore pulsante della manifestazione. All’interno quattro diversi ambienti destinati a presentazioni, dibattiti, approfondimenti e incontri: Auditorium, Saletta della Cultura, Centro Servizi e, novità assoluta di quest’anno, la Sala Mediterraneo, ampia e luminosa nel Centro Fieristico.

Salentuosi, in collaborazione con Affari Italiani, seguirà l’evento con dirette quotidiane su La Radio Sale (in fm e in streaming su salentuosi.it): dalle 10 alle 11 con “Aspettando Città del Libro”, programma condotto in studio da Alice Proce e Mauro Lupo e dalle 18 alle 20 con lo speciale “In diretta da Città del Libro” con la giornalista inviata Valeria Blanco. Coordinamento tecnico e regia: Ivan Ciullo; supervisione per Salentuosi Fernando Proce, per Affari Italiani Alex Peroni.

Internazionalizzazione, uguaglianza di generi, ecologia, ambiente impegno sociale hanno fatto da corollario alla cultura, filo conduttore di Città del Libro di Campi Salentina, durante la conferenza stampa di presentazione tenutasi questa mattina nell’antica Biblioteca Calasanziana dei Padri Scolopi. Luogo suggestivo e dalla forte caratterizzazione simbolica. Rappresenta uno dei fulcri della cultura salentina e pugliese fin dal 1633, con un fondo antico di tredicimila esemplari, tra i quali alcuni incunaboli, alcune cinquecentine ed alcune edizioni del ’600 e del ’700.

Dalla conferenza stampa emerge che la XIX edizione della Rassegna Internazionale degli Autori e degli Editori, dal titolo “All different all equal” ha in questo tutto il suo significato. Quest’anno, come non mai, Città del Libro si propone come punto d’incontro, tavola rotonda sul Mediterraneo. Dalla Siria al centro delle cronache fino alla Spagna, a Città del Libro saranno presenti tanti autori quanti sono i paesi che si affacciano sul nostro mare.
Padre Giuseppe Zonno, fa gli onori di casa dando il benvenuto agli ospiti presenti: il sindaco di Campi, Roberto Palasciano, il Presidente della Fondazione Onlus Città del Libro, Fabio Sirsi e Alessandra Schiavone, Asessore alla Cultura e vicepresidente della stessa Fondazione. Padre Giuseppe Zonno, ringrazia per aver scelto come location la Biblioteca, definendola “luogo ideale per una simile iniziativa – e aggiunge – è interessante che sia stato scelto quest’istituto per la conferenza stampa di presentazione di questa edizione di Città del Libro. E’ interessante perché qui, dal 1628 si distribuisce cultura. Grazie per la scelta che avete fatto perché credo che, dal punto di vista culturale, non poteva essere migliore”.

Parole profonde da parte del Primo Cittadino di Campi Salentina, Roberto Palasciano che ringrazia la Biblioteca Calasanziana per l’ospitalità e spiega: “Questa location è molto importante, la cultura qui e nella città di Campi è sempre esistita ed oggi pare quasi del tutto naturale presentare la XIX edizione di Città del Libro in questo luogo. Un’edizione che nasce sotto una nuova presidenza, un nuovo Consiglio Direttivo con una idea nuova, all’insegna dell’internazionalizzazione, con un’apertura, in particolar modo verso il bacino Mediterraneo. Come parte di Italia, il Tacco è sempre stato luogo di incontro, di transito e di contaminazione. Nel nostro piccolo – sottolinea il Sindaco Palasciano – vogliamo contribuire affinché quest’incontro tra culture diverse, possa proseguire ed essere anche luogo di aggregazione e che ciò possa avvenire senza rischi”. Il pensiero del Primo cittadino di Campi Salentina va ad un argomento scottante che tocca i cuori dei presenti: “Mentre parlo – dice – il mio pensiero va a quei cento siriani che sono in mezzo al mare, in balia delle onde, e che spero possano essere messi in salvo al più presto. Spero che queste Terre così vicine ma così lontane tra loro, possano essere messe in collegamento in maniera più semplice e più naturale. Incontrandosi le persone, si incontrano le culture e si costruisce la pace. Mi piace pensare che, nel nostro piccolo, questa XIX Edizione di Città del Libro possa contribuire a costruire la Pace.”

L’Assessore alla Cultura del Comune di Campi Salentina nonché, vicepresidente della Fondazione Onlus Città del Libro, Alessandra Schiavone racconta Città del Libro come opportunità di svolta cultura ed economica per l’intero territorio. “La XIX Edizione di Città del Libro è un esempio di come, sul nostro territorio, esiste ancora un’offerta culturale che si pone in maniera notevole. Ci siamo posti, fin dall’inizio, di mantenere alta la fama della Città del Libro partendo dalla cultura che è un elemento imprescindibile della Rassegna. L’abbiamo voluto incentrare sulla sobrietà ma, soprattutto, del vigore per mantenere alta l’importanza della cultura. Nell’epoca dei fogli elettronici, di word, delle enciclopedie informatiche, c’è ancora spazio per il libro”.

Austerità, contenimento della spesa, riciclo dei materiali e delle strutture, idee nuove e innovatrici e voglia di dare un look nuovo a Città del Libro partendo dal puntellamento del legame tra la Rassegna e la cultura”. Nelle parole del Presidente della Fondazione Città del Libro onlus, Fabio Sirsi, gli obiettivi di questa XIX edizione.
Non un taglio netto con il passato che ha comunque contribuito a rendere grande la manifestazione, ma la voglia di far tornare a respirare aria di cultura al territorio.

Ringrazio tutti per essere qui ed in particolare Padre Giuseppe Zonno che ci ospita in questa location eccezionale, emozionante, poiché simbolo importantissimo della cultura del Nordsalento e non solo. I libri ed i volumi qui presenti, trasmettono quella sensazione di sapere e di cultura in senso lato che devono essere proprio nell’ottica di Città del Libro”. Il Presidente Fabio Sirsi apre l’intervento spiegando le ragioni della scelta di aprire all’interno della Biblioteca Calasanziana, presidio della cultura salentina e non solo.

Abbiamo alle spalle un percorso lungo dalla nascita di Città del Libro – aggiunge Fabio Sirsi – che è stato anche ricco di grossi risultati. Però io credo che adesso i tempi siano effettivamente maturi per spiccare finalmente il volo come manifestazione. Innanzitutto abbiamo voluto una caratterizzazione delle fiere generaliste, che rappresentano ormai la normalità. In Italia ce ne sono tante e tutte hanno ormai un sapore di cose già viste, per cui noi oggi abbiamo voluto caratterizzare la Città del Libro con la denominazione di Rassegna Internazionale degli Autori e degli Editori del Mediterraneo. Siamo riusciti, contro mille difficoltà, a mettere su la macchina organizzativa in soli due mesi, proponendo un programma veramente denso e ricco di elementi culturalmente rilevanti, a partire proprio dalla novità della Sala del Mediterraneo, che rappresenterà il centro intorno a cui Città del Libro dovrà svilupparsi per quest’anno. Siamo riusciti a organizzare la presenza di 25 ospiti stranieri provenienti dal bacino del Mediterraneo e non solo. In questo senso noi ambiamo fortemente ad incidere sulle politiche editoriali di tutto il Mediterraneo, verso un’integrazione Euro-Mediterranea. Per questi motivi abbiamo proposto all’Assessorato allo Sviluppo Economico della Regione Puglia, che ha accettato con piacere, dei workshop fortemente caratterizzanti poiché destinati alle aziende ed alle case editrici locali, per formarle rispetto a quella che potrebbe essere la loro internazionalizzazione. Questo è un elemento a cui tengo particolarmente poiché rappresenta un salto di qualità della Città del Libro. Partiremo quindi proprio da questi tre workshop. Nel primo cercheremo di esaminare la situazione dell’editoria nel Mediterraneo e avremo ospiti il presidente della Fiera di Madrid, il presidente della Fiera di Bruxelles, il presidente della Fiera di Tirana, per affrontare il punto di vista delle fiere verranno anche degli editori e alcune case editrici, tra cui una francese, una albanese ed una inglese e noi abbiamo cercato di coprire Centro Europa, Mediterraneo e Europa Meridionale, per cercare di fornire un quadro completo.
Avremo workshop formativi per formare le aziende a fare business all’estero e tratteremo le nuove tecnologie e gli ebooks, oltre al modo di fare insegnamento e formare. Saranno 160 gli ospiti presenti per oltre 2500 metri quadri di esposizione, 80 presentazioni di libri, 11 spettacoli e 2 eventi, 25 ospiti internazionali, 8 incursioni musicali, 21 reading teatrali e 5 workshop. Tantissime le mostre. Vogliamo trasmettere l’idea che il vecchio libro non rappresenta, come molto spesso si pensa a causa dell’utilizzo spropositato di internet e delle nuove tecnologie, un qualcosa di vetusto ma, deve essere un momento di gioia, approfondendo il lato culturale, leggendo ed allo stesso tempo divertendosi. Alla luce di questo abbiamo creato, in collaborazione con tante realtà del territorio che hanno voluto fornire il proprio servizio a Città del Libro e al territorio, tantissimi micro eventi, che hanno proprio l’obiettivo di rendere finalmente questa Rassegna un momento di grossa partecipazione. L’abbiamo voluto fare insieme alle case editrici che sono per noi di fondamentale importanza, condividendo con loro l’allestimento, l’organizzazione e la programmazione. Città del Libro sarà attenta all’ambiente ed all’ecologia con l’iniziativa “Eco Città del Libro”. In collaborazione con Ecofeste Puglia, abbiamo pensato che bisognasse visivamente rappresentare la volontà di fare ecosostenibilità e di fare la raccolta differenziata, per cui durante la manifestazione avremo diversi punti informativi con quelli che noi chiamiamo moralizzatori. Dei bambini che saranno formati prima dell’evento e che spiegheranno come fare la raccolta differenziata. Inoltre avremo anche la possibilità di usufruire di materiale ecosostenibile durante lo svolgimento della Rassegna. L’ultima iniziativa che si vuole sottolineare e una cosa che va al di la delle logiche commerciali, perchè noi pensiamo che la cultura debba essere molto fruibile e debba essere condivisa. Ci sarà uno spazio di book sharing, dove chiunque acquisti un libro dalla Città del Libro, potrà portarsi un altro libro da casa e scambiarlo con chi farà lo stesso. Questo ha un grande significato, perchè l’obiettivo di Citta del Libro è anche quello di aumentare la circolazione dei libri e della lettura, tornando a porre il libro al centro, mettendo a disposizione la cultura, come strumento che possa servire a tutti”.

L’edizione 2013 della Città del Libro aprirà giovedì 12 dicembre, alle ore 9, con lo spettacolo culturale dal titolo “Marcovaldo le stagioni in città” di Astragali Teatro all’interno dell’Auditorium nel Centro fieristico.
Inaugurazione ufficiale alla presenza di autorità e ospiti alle 18 con il Presidente Fabio Sirsi che taglierà il nastro con S.E. il Prefetto di Lecce, Giuliana Perrotta; l’Assessore Regionale al Diritto allo Studio e Formazione, Alba Sasso; l’Assessore Regionale allo Sviluppo Economico e Internalizzazione, Loredana Capone; il Presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone; l’Assessore alla Cultura della Provincia di Lecce, Simona Manca; il Sindaco di Campi Salentina, Roberto Palasciano; il Comandante territoriale per la Puglia dell’Esercito, Generale Natalino Madeddu.

Tra le cose da ricordare, l’iniziativa Treni a Vapore. Infatti la Fondazione Città del Libro, in collaborazione con Ferrovie dello Stato e Fondazione Moschettini, istituirà una tratta Campi-Nardò con un treno antico, carico di bambini. Durante il tragitto, fatto di tante fermate, ci saranno dei reading di vari autori e il tutto sarà allietato dalle musiche dell’associazione Bande a Sud.
Inoltre Città del Libro quest’anno farà da cassa di risonanza al Comitato “Lecce 2019 Capitale della Cultura”, con la presenza di uno stand all’interno dei padiglioni del Centro Fieristico. Tra l’altro la Fondazione Città del Libro è sempre più accreditata ad entrare nel Comitato promotore di Lecce 2019.



Fondazione
Trasparenza
Edizioni Passate
Come Raggiungerci
Press Area
Staff-Contatti


Fondazione Citta' del Libro Onlus -
P. Iva: 03666590751
Via San Giuseppe, 30 - 73012 Campi Salentina - LECCE
Tel. 0832.720687 - 0832.720688 - info@cittadellibro.net

Privacy e Note Legali  |  Sitemap XML

 

Seguici sui Social